Mondo Bambini

Plantari nei bambini – L’importanza

plantari nei bambini
Scritto da Redazione
plantari per bambini

Uso dei plantari nei bambini  – L’importanza di un piede sano

L’utilizzo di plantari per bambini nell’età dello sviluppo del bambino è molto più comune di quanto si possa pensare, o meglio  è più giusto dire “sarebbe”, usando il condizionale,  in quanto molti non sanno che è sempre opportuno condurre esami sullo stato del piede dei propri bambini proprio per prevenire l’insorgere di patologie più gravi, ma questo nella maggior parte dei casi non avviene ancora.
Ecco perché sarebbe giusto imparare ad occuparsi dei nostri piedi con le dovute attenzioni.

anche in situazioni non patologiche è opportuno intervenire correggendo difetti che con passare del tempo potrebbero portare il bambino ad accusare patologie ben più gravi.

Impariamo quindi subito quali sono le importanti funzioni che svolge il piede per egli capire i vantaggi nell’utilizzo e nell’uso di plantari per bambini.

Le funzioni del piede

piede-plantari-bambini01

Impariamo quindi subito quali sono le importanti funzioni che svolge il piede per egli capire i vantaggi nell’utilizzo e nell’uso di plantari per bambini.

1 Scaricano sul terreno l’intero peso del corpo e ricevono dal terreno la corrispondente forza di contatto.

2 Ammortizzano la maggior parte degli urti al suolo nella marcia, nella corsa e nel salto.

3 Hanno funzioni di molla ( deformandosi assorbono energia che restituiscono nel riassumere la forma originaria).

4 Hanno insostituibili funzioni di equilibrio.

Le prime due funzioni sono svolte dalla pianta del piede , con uno strato sottocutaneo spesso circa 2 cm. La parte più superficiale contiene molte fibre collagene e una fitta rete di vasi , numerosi setti formano una sedimentazione molto fitta.
Nella parte più profonda la sepimentazione è più ampia e prevalgono fibre elastiche.

Funzioni di Equilibrio

La funzione molla viene assolta dal piede astragalico che svolge anche una funzione di terza leva dell’arto inferiore (con Tibia e Femore).

Le funzioni di equilibrio sono svolte da quattro leve: Tre leve assicurano l’ equilibrio nel piano sagittale, Due di queste leve sono poste anteriormente per riportare nella base di appoggio il centro di gravità del corpo sbilanciato in avanti (queste leve sono più lunghe e dotate di muscoli più potenti).
La Terza leva è posteriore all’articolazione Tibio-Tarsica (è molto più corta e dotata di muscoli meno potenti) per riporatre il centro di gravità del corpo bilanciato in dietro nella base di appoggio.
Una unica leva assicura l’equilibrio sul piano frontale, è posta anteriormente e corrisponde all’incirca all’arco trasverso.

Perché è utile l’utilizzo di un plantare sensomotorio

Plantare di efficacia straordinaria in quanto agisce su tutte le componenti deformanti e negative che causano e aggravano la sintomatologia dolorosa e disfunzionale nei dismorfismi del piede e in molti disturbi e anomalie della deambulazione, della corsa , del salto , dell’equilibrio e della coordinazione.

1 Stabilizza il retro piede mantenendolo e riportandolo alla posizione verticale (retro piede pronato nelle deformità in eversione e supinato in quelle in inversione)

2 Riconduce l’angolo di famice a circa 165 ° (angolo di camice aumenta nelle deformità in eversione e diminuisce in quelle in inversione)

3 Ricostruisce un normale arco trasverso

4 Normalizza l’angolo di Costa Bartani

5 Riequilibria le forze che agiscono sulle varie componenti del piede (Legamenti-capsule articolari-forze muscolari ecc)

6 Fissa in memoria i risultati conquistati

7 Previene e contrasta l’alluce valgo e le dita in griffe

Tutte queste forze e vincoli applicati al piede , pur essendo di tipo meccanico, scatenano una serie di modifiche dell’apparato osteoarticolare e muscolo tendineo del piede sulle porzioni di Sistema Nervoso che programmano e controllano il movimento.

La struttura del plantare sensomotorio

Per poter effettuare quanto sopra il plantare deve essere realizzato SU MISURA ed essere dotato di di quattro elementi attivi chiamati SPOT:

1 SPOT mediale ed 1 SPOT laterale che formino una coppia di forze che agisca sul retro piede nel piano frontale, che non siano in equilibrio rotazionale (stabilizzazione retropiede con normalizzazione dell’angolo di Costa Bartani), e una coppia di forze che agisca sull’angolo di famice nel piano sagittale (aumentando e diminuendo l’angolo).

Uno SPOT retro capitato che non includa la testa del 1° metatarso (per ricostruire l’arco trasverso) e prevenga l’ipertensione delle metatarso falangee.

Uno SPOT di sostegno per il 2°-3°-4°-5° dito (per contrastare le dita a martello).

I requisiti di una scarpe perfetta

SICURA: Suola antiscivolo per muoversi autonomamente
LEGGERA: Peso 250 gr per non aumentare lo sforzo nella deambulazione
FLESSIBILE: Per accompagnare il movimento del piede
PREDISPOSTA: Per contenere il plantar e Sensomotorio su misura
STABILE: Dotata di contrafforti per una solida presa del calcagno

plantari per bambini

Lascia un commento